Articoli, Possibilità

1 Energia dal grande tennista Jimmy Connors (1a parte): rovesciare la violenza

Il grande tennista americano Jimmy Connors è stato un grande protagonista nella storia del tennis. Nato nel 1951 nell’Illinois è stato addestrato al tennis prima dalla madre, abile tennista, poi dal campione  Pancho Segura. Ha vinto più di tutti: 109 tornei.

Come lui ha confessato nella sua biografia  ha tratto la sua forza indomabile dall’aver assistito da bambino impotente a due punk che hanno pestato i suoi familiari: la madre e due nonni (qui il link ad un articolo che ne parla

Poi sul campo imparando a giocare a tennis  è diventato anche aggressivo e ha  così trasformato, forse inconsapevolmente,  ogni atto di forza subita in una risorsa indomabile. Con dei colpi tempestivi, impattando la pallina quando saliva è diventato la miglior risposta la servizio nel mondo del tennis, riuscendo a  fare colpi  e rimonte impossibili. Qui negli US Open del 1978 ha fatto un colpo impossibile, contro Adriano Panatta, a quel tempo al vertice della forma.

Applicazione per i giuristi: nel caso difficile difesa non arrendersi continuare ad approfondire e trovare altre risorse verificando le volontà delle persone, le fonti normative, anche sul piano internazionale. Ci sono colpi impossibili quando la vertenza si risolve su un altro  piano: stragiudiziale, relazionale. Lo insegnava anche l’avv. Gandhi prima di diventare un grande statista. Si   passa ai lati delle fitte maglie formali della procedura. Come il passante di Connors sulla voleè di Panatta. (1 – continua)

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *