Strumenti

Nella battaglia processuale l’arsenale dell’avvocato: le argomentazioni.

Solo l’esistenza di un processo argomentativo che non sia né cogente né arbitrario, dà un senso alla libertà umana, condizione per l’esercizio di una scelta ragionevole(Chaïm Perelman in  Trattato dell’Argomentazione)

Alle volte ci si abbatte dopo aver ascoltato o letto le argomentazioni di controparte. Dopo aver letto il loro modo di convincere (ad esempio le argomentazioni in un atto di controparte ) ci sembra di non poter stare più dalla parte che avevamo scelto di difendere. In realtà le cose stanno diversamente. Se sin dal principio è fatta una buona analisi, anche tecnica  e non sono state omessi fatti e normativa, se si è pronti ad approfondire spesso le argomentazioni altrui sono  solo apparentemente vincenti in modo totalizzante. Certo bisogna essere pronti a lottare in ogni momento, specie contro se stessi.

Capita infatti spesso che occorra una lunga vertenza per portare gli animi delle persone ad un punto in cui siano disponibili  ad una pace che porti giovamento ad entrambe le parti. Nel frattempo  occorre avere buone argomentazioni per arrivare a quel decisivo punto della vertenza in cui è bene transigere. Per questo esaminare le possibili argomentazioni ( il  modo di convincere controparte o il giudice ) può aiutare. Solo alcuni filosofi Schopenauer e Chaim Perelmann

hanno ordinato  quell’arsenale a disposizione dell’avvocato che sono le argomentazioni. Non lo fanno abitualmente i  giuristi pratici che forse temono  che qualcuno  copi la loro esperienza giuridica e ne faccia uso contro di loro.  Peraltro la partita si gioca su più fronti e anche l’argomentazione non è una merce qualsiasi, va sentita e vissuta. dai contendenti Inoltre come per ogni arma lecita, il problema non è tanto l’arma ma l’uso che se ne fa. Per cui la conoscenza delle argomentazioni è importante ma non decisiva come vedere le argomentazioni usate nella pratica. Cercheremo nei successivi articoli di esaminare alcune argomentazioni con esempi pratici visibili o almeno leggibili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *