Articoli, Possibilità

riconoscere il meglio intorno a noi: con l’arte. Bellini e Leonardo , le note dell’avv.Carnelutti

 

 

 

 

 

Non penso a tutta la miseria, ma alla bellezza che rimane ancora (Anna Frank)

 

Battesimo di Cristo, Giovanni Bellini, Chiesa di S. Corona, tra il 1500 e 1502

 

 

 

 

 

 

In un precedente post(link) avevo riconosciuto la forza dell’opera di Bellini descrivendola ed evidenziando la forza del suo messaggio. Come ha mostrato Vittorio Sgarbi il battesimo di Cristo ci comunica la grande bellezza nella natura, nelle sue sfumature messe  in evidenza da Bellini. Oggi questa bellezza la evidenziano l’esperienza o anche una buona foto dei giardini di Kyoto, qui ripresi in un particolare da una foto del Journal di John Pawson, il grande architetto contemporaneo. 

 

 

 

 

 

 

L’arte come aveva rilevato l’avv. Francesco Carnelutti testimonia questo messaggio di bellezza e lo fa vivere, nelle opere materialmente realizzate,  oltre i limiti della vita dell’autore.

Nell’arte si illustra anche una novità lentamente evidenziata nel cristianesimo. Come hanno evidenziato antropologi e filosofi (es. Eraclito quando scrive che “in certi fiumi non è possibile entrare due volte”) negli antichi sacrifici pagani  una persona veniva sacrificata  anche per immersione e annegamento* . Nel corso della storia greca poi questa verità veniva nascosta e ridotta al minimo ma restava presente. Con il cristianesimo il meccanismo viene rivelato e rovesciato   e le persone possono invertire l’abituale comportamento aggressivo di appropriazione, in sintesi nel principio del capro espiatorio:” tutti contro uno”. Si arriva così in certi momenti al “tutti per uno”, come nel battesimo.  Il rito ripercorre tutta la storia dell’uomo cercando di non limitarla a quello che vediamo ma introducendo il battezzato in una dinamica trascendente, invisibile a partire dall’amore di  coloro che si occupano del battezzando. Peraltro forse non é un caso che una delle più esperienze piu piacevoli al mondo, accessibile a tutti è quella di fare una doccia o un bagno .

Nell’arte cristiana, peraltro non solo di Leonardo e Bellini,  non si scartano le parti violente nella storia dell’uomo: Cristo con le mani giunte (nel battesimo di Verrocchio e Leonardo da Vinci, Uffizi,  tra il 1475 e 1478 )  o le braccia  incrociate (Bellini) accetta il sacrificio con  una strana offerta di se stesso, nel sacrificio. C’è un cuore nuovo consapevole anche del prezzo che bisogna pagare per questa verità  non facilmente accettabile. E in questa accettazione necessaria dell’altro, anche delle sue difficoltà o violenze,  quando non sono possibili educazioni o difese, c’è  vero amore.

Così anche  nella bellezza dell’arte che è al servizio di tutti, accessibile a tutti, può essere ritrovata il rito del battesimo che può essere ricompreso.

Ma  se intorno a me, in generale, grazie anche all’arte, posso trovare  bellezza, verità e  bontà le situazioni si rinnovano. E c’è già  un indizio di resurrezione sperimentabile in questa vita. Lo illustra la palma sulla sinistra nel dipinto di Verrocchio e Leonardo: la palma è il simbolo della resurrezione. Non deveessere un caso che lo sia del martirio come per dire che ogni vita offerta incondizionatamente è capace di aprire varchi dentro l’oscurità più impenetrabile

Allora  se queste presenze di valore le riconosco posso continuarle nei miei comportamenti. Allora le 3 figure angeliche che sono sulla sinistra del dipinto di Bellini (e rappresentano la carità, la fede e la  speranza) non sono più un altro ostacolo, una minaccia ma la  possibilità di lasciar spazio al Divino intorno e dentro di me. Purtroppo l’occultamento di queste possibilità, spesso accantonate anche da chi dovrebbe parlarne,  e la forza dei meccanismi di comunicazione, del commercio  ci orientano in altre direzioni  ma è possibile riconoscere, vivere un’altra esperienza affrontando gli ostacoli. Nel dipinto di Bellini c’è infatti il pappagallo che ricorda  la Passione di Cristo.

 

 

Sul Battista si dilunga anche  l’avv Carnelutti nel suo libro Figure del Vangelo e illustra il dubbio del Battista che chiede a  Gesù se devono aspettare altri e non lui. Secondo Carnelutti a Giovanni Battista Gesù, nonostante i segni,  appare troppo eversore, troppo vicino ai peccatori.

Forse il Battista non si è sentito amato perché non ha visto, oltre alla corruzione (di Erode) da lui giustamente condannata, anche la presenza  della bellezza e dell’amore. Ha annunciato la verità ma non ha riconosciuto l’amore e la bellezza nel modo in cui Cristo operava; secondo Carnelutti “aveva riconosciuto il Figlio senza conoscere Dio”. Peraltro l’ esperienza di Giovanni Battista significativamente protagonista attivo del battesimo di Cristo e vittima di Erode Antipa trasmette la verità (della vittima) e lo rende immortale e parte integrante di ogni resistente vera speranza.

Questo riconoscimento della bellezza e dell’amore nonostante le difficoltà   è possibile, lo illustra anche  questo videoclip tratto da un noto film d’animazione:

Solo se riconosco come un dono la presenza persistente dell’amore, della bellezza e della verità  allora l’accoglienza di quella presenza nelle  3 virtú teologali (carità, fede, speranza) diventa pienamente e volontariamente umana… Allora il messaggio che il Padre comunica al Figlio nel battesimo di Cristo non è rivolto solo a lui  ma, anche nella misura di questa consapevolezza ed apertura di cuore, anche a me. “Questi è il Figlio mio, l’amato…”(Mt. 3,17). Solo da lì può partire anche una nuova offerta… Questa partecipazione non è riservata al credente: come insegnano coloro che guidano la migliore comunicazione oggi bisogna sempre partire dalla gratitudine per quello che c’è già laddove una persona si trova a vivere: dentro le dimensioni relazionali di riconoscimento della bellezza, della verità e della bontà

Applicazione: anche con l’arte posso cercare i segni di bellezza, verità, e  bontà dentro l’ambiente in cui vivo. Servirà in certi casi, per resistere, molto sacrificio ma in quel momento già la realtà ideale è già  presente intorno e dentro la  mia persona. Qui in questo scenario di  rivelazione dalle potenzialità inattese si comprende meglio il senso dell’offerta di una prestazione, anche contrattuale, anche professionale…

temi: arte, natura, antropologia del rito, battesimo, doccia sacrificio

stato: bozza

giorni: battesimo di Cristo, S.Giovanni Battista, gratitudine, kungfu Panda, magari per una pausa al centro della settimana, il mercoledì

*Purtroppo sono situazioni anche vicine a noi: durante la seconda guerra mondiale il direttore del carcere di regina Coeli Donato Carretta è stato  linciato dalla folla e difeso da alcuni è stato poi  fatto annegare nel fiume: qui un saggio sull’episodio che è un grande riconoscimento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *